CLAUDIO CASADIO






CLAUDIO CASADIO

Codice Prodotto DSCONAXE
Disponibilità In stock
Categoria Attori
Condividi

Descrizione

Luogo e data di nascita: Ravenna, 1958
Formazione: Diploma presso l’Accademia Antoniana di Arte Drammatica di Bologna nel 1982. Nello stesso anno è socio fondatore della compagnia Accademia Perduta che diviene, negli anni, un Teatro Stabile d’Arte Contemporanea, di cui Casadio è co-direttore artistico assieme a Ruggero Sintoni.

ESPERIENZE PROFESSIONALI
CINEMA
Nel 2011 è nel cast del film “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana
Nel 2009 esordisce in ambito cinematografico, interpretando il ruolo di protagonista maschile nel film “L’uomo che verrà”, diretto da Giorgio Diritti
TEATRO

Claudio Casadio inizia fin da subito la sua intensa attività artistica: già nel 1982 è infatti coautore ed interprete de “La fiaba dell’oro e del sapone”, spettacolo di Teatro per Ragazzi che, negli anni, supera le 1.000 repliche. Nel 1983 è coautore e interprete de “L’isola del tempo”, ovvero il pomo d’oro del trono del re. Negli anni successivi, oltre ad essere autore ed interprete, inizia a dirigere numerosi spettacoli di Teatro per Ragazzi prodotti da Accademia Perduta che si contraddistinguono grazie ad una originale “cifra stilistica” riassumibile in alcuni tratti ben precisi: attenzione al fantastico, ad una dimensione magica, onirica ed evocativa, coinvolgimento emotivo di tutti gli spettatori. Ne sono solo alcuni titoli: “Marinai”, “Il falso figlio del principe pazzo”, “Cipì: il nido incantato”, “Il Bosco delle Storie”, “Turandot”, “L’Angelo, Il Soldato e il Diavolo”, “Hansel & Gretel”, “Bandiera”, “Ballata per una Foglia”, “Il Pifferaio Magico”.

Nel 2002 è coautore e regista de “I musicanti di Brema”, spettacolo che, nello stesso anno, vince il Premio “L’uccellino azzurro” all’ottava edizione del Festival “Ti fiabo e ti racconto” di Molfetta (BA). Lo spettacolo riceverà anche il prestigioso Premio ETI “Stregagatto” come “Miglior spettacolo di TeatroRagazzi”.

Nel 2004 Claudio Casadio è impegnato nella sua prima tournée internazionale: con lo spettacolo “Hansel & Gretel”, opportunamente tradotto nelle varie lingue, viaggia per numerose città francesi e spagnole (tra le altre: Madrid, Siviglia, Barcelona, Narbonne, Dijon, Nanterre, Brest, Reims). Nelle Stagioni Teatrali successive, la richiesta dello spettacolo da parte di Teatri e Festival europei aumenta ed “Hansel & Gretel”, arriverà anche, nel novembre 2008 a rappresentare l’Italia al “THEATER/TEATRO Theaterherbst in Berlin”, importante Festival organizzato dal’ETI in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura a Berlino.

Ancora nel 2004 inizia “l’avventura” di Pollicino, pièce scritta da Marcello Chiarenza e diretta da Gianni Bissaca. Con questo spettacolo, a tutt’oggi uno dei più rappresentati e premiati della sua carriera, Casadio compie lunghe tournée nei più prestigiosi Teatri italiani (ne sono esempi Il Piccolo di Milano e l’Eliseo di Roma) e, sempre tradotto nelle rispettive lingue, in Francia, Spagna, Svizzera e Portogallo. Nel 2005 Pollicino è ospite al “Teatralia”, il più importante Festival delle Arti Sceniche di tutta la Spagna; due anni dopo, vince il primo premio al Festival Momix di Kingersheim (Francia) e, nel 2008, il prestigioso Biglietto d’Oro AGIS – ETI come “Spettacolo di Teatro Ragazzi più visto nella Stagione 2007/2008”. Con un talento oramai riconosciuto nell’ambito teatrale europeo, viene addirittura chiamato a progettare, realizzare e dirigere la versione in lingua spagnola de “I musicanti di Brema”, che prende il titolo da “Los musicos de Bremen”.
Nel 2009 partecipa alla 52° edizione del prestigioso Festival dei Due Mondi di Spoleto con un’Antologica delle migliori produzioni di Teatro Ragazzi di Accademia Perduta. “Pollicino”, “Hansel & Gretel” (di cui Casadio è protagonista), “Il Pifferaio Magico” e “Bandiera” (di cui è autore e regista) vengono rappresentate per tutta la durata del festival con unanime entusiasmo di pubblico e critica.
Nel 2012/2013 è protagonista con Giulio Scarpati di “Oscura Immensità” per la regia di Alessandro Gassman.